lunedì 28 febbraio 2011

pollice verde

niente pollice verde, ma questi sono gli unici spicchi di natura in ufficio

napoli è qui

Da un pò di tempo è stato "depositato" un monitor pc in una stradina bianca a lato dell'argine del Piave,
lungo il mio abituale percorso di allenamento. Impossibilitata a spostarlo vicino ai cassonetti rifiuti, oggi ho inviato una email al Comune ad un paio di uffici per informarli e chiedere il ritiro in discarica. Vediamo se verrà accolta la mia richiesta, vi terrò aggiornati sugli sviluppi della situazione rifiuto, intanto non ci meravigliamo della situazione napoletana, gli imbecilli sono ovunque!

corsa del Sile a Casale

27 febbraio 2009 33° Corsa del Sile CPT partenza ore 9,00 km. 5- 10,5-21,097

Cielo coperto e un  venticello freddo accoglie a Casale sul Sile oltre 3500  podisti che scelgono di correre le tre distanze. Anche se ben presidiate, corriamo la maggior parte del percorso con accanto le auto visto che il percorso è su strada, eccezion fatta per la parte di tre-quattro km lungo la restera, sempre molto bella. Per evitare di correre troppo contro-vento, mi accodo ad un gruppetto con la stessa andatura di corsa, ma ben presto rallento visto che dai nasi e dalle bocche di coloro che mi procedono senza alcun controllo, esce un po’ di tutto. Sofferta verso il finale a causa delle gambe un po’ rigide, ma utilizzata come allenamento chiudo in 1:47. Amarissima sorpresa al ristoro finale: ho tirato dritto a tutti i ristori e qui trovo solo qualche spicchio di limone e acqua fredda (che non bevo neppure in agosto!). Alle mie richieste e ad altre numerose intorno a me, i volontari si scusavano dicendo che  non si aspettavano un elevato numero di presenze. Eh, no! Scusate, lo sapevate due ore prima quanti si sono iscritti e mi spiace per i volontari che fanno da capio espiatorio, ma a  qualche corsa ho partecipato, e con l’esperienza di 33 gare organizzate, il gruppo podistico casale deve avere lo stesso rispetto sia per Fregona che per i 3000 che arrivano dopo di lui. Girato questa email al Comitato CPT

martedì 22 febbraio 2011

società

Rinnovo tessera Fidal e tessera società Nuova Atletica 3comuni, dove tutto ebbe inizio. Ebbene sì, nella notte dei tempi quando tredicenne, contagiata dal Dinelli alla malattia della corsa, iniziai con le campestri e con i giochi della gioventù alle medie. Quante serate fredde e nebbiose in pista a Motta di Livenza o lungo le stradine di paese, rincorsi dai cani usciti dai cancelli delle case. Ricordo i primi 10000 conclusi, quando Dinelli mi è corso incontro ed abbiamo raggiunto insieme il traguardo. Ancora oggi, se lo potesse fare, sarebbe il mio ideale compagno di corsa, grazie.

lunedì 21 febbraio 2011

giulio casale

Sabato sera nel carnet abbonamento c'era lo spettacolo di Giulio Casale. Mea culpa, non conoscevo l'artista e mi ero preparata su altro argomento. Puntale parte alle 9,00 ma nella prima mezz'ora mi "cala la palpebra",poi, vuoi i suoi fans che ho accanto, vuoi i criceti nella mia testa che iniziano a far girare i neuroni, inizio a far collegamenti, seguire e a farmi piacere "la canzone di Nanda". Non è uno spettacolo dedicato a Fernanda Pivano da poco scomparsa, ma sulla forza e il valore della pacifica rivolta. Casale canta Bob Dylan mentre scorrono dietro a lui le immagini di una America nelle rivolte culturali degli anni '60, il periodo della beat generation. Parla di Allen Ginsberg. Gregory Corso, le canzoni di Fabrizio De Andrè che Nanda definisce il più grande poeta italiano del Novecento.Casale racconta di Hemingway lodando il racconto "un posto pulito, ben illuminato" Interessante lo spettacolo di teatro canzone di uno scrittore, autore, artista a tutto tondo, di quello, che almeno una volta, vanno incontrati dal vivo.

venerdì 18 febbraio 2011

nightlife run

Ieri sera un allenamento un pò particolare: ricevo l'invito da amatori Chirignago per una serata "nightlife run" :una corsetta in notturna organizzata da un negozio sportivo e la Brooks per testare scarpe e abbigliamento tecnico per allenamenti ove è necessario essere ben visibili. Ritrovo alle 18,30 per un cambio veloce di maglia, gilet, giacchine e scarpe. Alla partenza, alle 19,00 siamo circa 30-35, tutti in giallo e nero, qualcuno con le lampadine da testa. Il mitico Nino, dell'Altetica Mirafiori, fà da apripista con la safety bike  per cercare di rallentare i primi e ricompattare il gruppo. Alla fine il giro che attraversa il centro, poi verso il canale navigabile, il noceto, borgo vecchio e rientro per il centro sarà di circa 8,5km. Il gruppone che a volte, occupa  anche tutto il centro strada, è' un bel colpo d'occhio colorato. Al rientro, in negozio, è stato gentilmente offerto anche un ristoro, ma  debbo reclinare per correre a casa. La serata non è ancora finita: assemblea soci Cai con rinnovo tessera, approvazione bilancio e presentazione escursioni estive.  

mercoledì 16 febbraio 2011

hello kitty

che brutta foto! ma ricamata veloce veloce per la "bimba" ventiduenne di Daniela

lunedì 14 febbraio 2011

13.02.2011 S.Maria di Campagna di Cessalto

Oltre 1800 gli iscritti alla marcia non competitiva a S.Maria di Campagna lungo i percorsi di 6-12-22-33 km e molti i camminatori del gruppo Nordic Walking di Treviso.
Arrivo a 20 minuti prima del via, ma la logistica comoda con i parcheggi custoditi e servizi wc liberi mi permette di partire con regolarità alle 8,30 con la maggior parte dei partecipanti che hanno scelto la lunga distanza in vista delle maratone primaverili. Il percorso è piuttosto noioso con lunghi rettilinei intervallati dai cavalcavia autostradali, ma riesco comunque a correre sempre in compagnia di qualche amico e questo alleggerisce di molto le difficoltà. Ultimi 7 km in seppure lieve, ma costante progressione e chiudo ben sotto le 3 ore previste. Sei ristori riforniti come da maratona e numerosi volontari agli attraversamenti stradali, un sorriso, una fetta di crostata e un thè caldo anche all’ultimo arrivato oltre le 12,30. Questa è l’organizzazione della maratonina di San Valentino. Complimenti!

il mattino ha l'oro in bocca

niente di commerciale x oggi, ma iniziare così la giornata...

mercoledì 9 febbraio 2011

nebbia

Martedi scorso ho saltato l'allenamento, il medio della settimana. Anche chi corre appena un pò, sà che disturba non seguire la tabella, ma per tutto il giorno c'è stata una nebbia fittissima, calata all'improvviso che ci ha reso tutti un pò impreparati. Ma non è tanto il fenomeno atmosferico la difficoltà a correre, anzi, è quasi romantica la nebbiolina umida, quanto l'attraversare San Donà intrafficata dai mezzi pesanti usciti dal casello autostradale e anche raggiungere la pista a piedi era assai pericoloso. Poco male, abbiamo finalmente cenato all'ora dei pensionati.

9 febbraio

Il Consiglio dei Ministri ha approvato per oggi 9 febbraio la Giornata Nazionale degli stati vegetativi. In questa data si ricorda l'anniversario della morte di Eluana Englaro, una ragazza affetta da una grave disabilità la cui vita è stata interrotta da una decisione della magistratura. In questa giornata, le amministrazioni e gli organismi di volontariato voglio promuovere, sensibilizzare, fare informazione, fermare l'attenzione su questo tipo di disabilità. E' una occasione importante. Nel caos istituzionale nel ns. Paese, "distratto" da altre vicende di cronaca, questo tema invece richiede serenità e responsabilità, per chiarire e ufficializzare, colmare una lacuna del ns. ordinamento. A pacificare gli animi, senza contestazioni conflittuali,  ma a garantire la libertà di cura senza scivolare verso forme di pratica eutanasiche..

lunedì 7 febbraio 2011

mi illumino di meno

Anche per il 2011 Caterpillar lancia, per la settima volta, l'iniziativa M'illumino di meno. 
Quest'anno la  campagna di risparmio energetico si sposa con l'anniversario dei 150 anni dell'Unità d'Italia e promuove  il messaggio della razionalizzazione dei consumi tramite lo spegnimento simbolico di tutte le luci il    18 febbraio 2011, dalle h 18,     insieme alla contestuale accensione pulita, anch'essa simbolica, di un tricolore luminoso
Per aderire è sufficiente spegnere le luci di piazze e municipi e trovare un modo, creativo e poco

dispendioso, per "accendere" un tricolore: ad esempio, basterebbero le dinamo di tante bici con delle
gelatine colorate sul fanale per creare un effetto suggestivo, oppure le finestre di un palazzo comunale
accese dietro a una tenda tricolore, o ancora, come è stato recentemente fatto a Reggio Emilia, rendere
colorate le luci che illuminano i monumenti, ancor più visibili nel buio circostante .

L'adesione sarà visibile sul sito di Caterpillar dopo aver effettuato la registrazione su

http://caterpillar.blog.rai.it/milluminodimeno/ e noi in trasmissione nomineremo le adesioni più
rilevanti, con collegamenti telefonici dalle città che organizzeranno gli eventi più notevoli per il 18
febbraio.

Al link
http://caterpillar.blog.rai.it/milluminodimeno/locandina-e-materiali/  sono disponibili materiali
da scaricare liberamente per diffondere l'iniziativa.

Segnaliamo anche la puntata speciale di Caterpillar per M'illumino di meno il 18 febbraio 2011, in onda

eccezionalmente dalle 17 alle 19,30, dal Castello di Rivoli (TO). In quest'occasione il Castello ospiterà
una speciale installazione a tema per festeggiare M'illumino di meno. Andremo in onda dall'interno del
Castello, raccontando con collegamenti telefonici le più prestigiose adesioni all'iniziativa di quest'anno,
alla presenza di 150 sindaci di comuni grandi medi e piccoli d'Italia, che s'impegneranno ad
amministrare le proprie città con oculatezza nel segno della sostenibilità ambientale. L'idea è quella di
sottoscrivere una sorta di "giuramento" per ridurre i consumi e sostenere con ogni mezzo le energie
alternative. Tutti con fascia tricolore per l'occasione.
 

domenica 6 febbraio 2011

Sabato 5 febbraio a Palus Sa Marco, l’O.DA.R., il Nevegal go, il Comune di Auronzo  hanno organizzato la 4° tappa del Ciaspatour 2010-2011. Partenza ore 19,00 presso Villa Gregoriana su un percorso di circa 5,5km in mezzo al bosco, ben tracciato e battuto dal gatto. Armati di pilette a mano e sul capo hanno preso il via 32 podiste e 49 podisti. Faticoso ma molto suggestivo il percorso illuminato dalle torce e assistito dai volontari dell’organizzazione. A concludere la divertente serata, l’abbondante pasta party nel salone della colonia della diocesi di Belluno. Premiazioni veloci per i primi arrivati e in controtendenza rispetto alle altre gare, un bel premio, skipass Dolomiti anche per gli ultimi arrivati.
Classifica donne: Gattel Marina, Dal Fiarra Marta, Maset Anita, Pezzutto Rosa
Classifica uomini: La Placa Paolo, De Martin Vico, Lanieri Luca, Menia Mario, Furlan Alberto.
Un appuntamento gigione da segnare in calendario.




venerdì 4 febbraio 2011

1047

E' uscita la Maxi classifica 2010 con tutti i tempi dei maratoneti italiani che hanno corso in Italia e all'estero. A quota 34100 si è raggiunto il record di sempre e anche le donne sono in forte aumento. La mia posizione (come nel 2009 ma con 500 maratonete in meno) è 1047° su 4359 donne che hanno concluso almeno una maratona. Ma a meravigliarmi sono sempre i tempi di categoria: veramente irraggiungibili!!

Il 2010 è stato un anno buio, buio di un denso fumo nero. Seppur in malessere psico-fisico, in calo motivazione,  un pò tirata per i capelli, ho continuato a correre. Ma tutti i meccanismi che l'attività fisica conferisce energia, mette di buon umore, sviluppa endorfine, dà sensazione di benessere, bla bla bla.. sono una voce fuori dal coro: al solo pensiero di mettere le scarpette ed uscire a correre mi dava il mal di stomaco. L'ora di corsa non riusciva ad allietare e snebbiare la mente, i pensieri positivi non si sostituivano ai negativi. Anzi, il continuare comunque a correre mi creava neuropatie e dolori muscolari. Ho constatato però che, nonostante il corpo e la mente inviassero segnali negativi e non volessero affrontare lo sforzo, il rendimento invece era buono. ( su 40 gare, 12 piccoli podi) Di contro, il perseverare ha dato un fattore positivo: non ha spento la fiammella che arde nel cuore di ogni podista amatore.Solo nelle due ultime corse dell'anno, Re ha smesso di soffiarmi sul collo ed ha allentato la presa.
Penso che la corsa non sia un rimedio, ma uno stile di vita, correre è nel mio istinto, è naturale e pratico, ma è necessita  di ... tanta tanta tanta buona volontà.
Tabella 5° settimana:
lunedì : 1h palestra
martedì: 15km lento
mercoledì: 1h palestra
giovedì: ripetute corte 10x1000 (1km+1km) rec.attivo
venerdì: 1h palestra
domenica 20km lento

giovedì 3 febbraio 2011

club

ieri sera due orette di club; tutto tranquillo con ben quattro nuove iscritte ai corsi. Ci sono buoni elementi che porterebbero una ventata  di allegria, a compensare le dimissioni di tre socie nel corso del 2010, anche se le amiche non si possono mai sostituire.

3 febbraio: San Biagio

Fu' uno degli ultimi martiri cristiani. Venne straziato con i pettini per cardare la lana e poi decapitato. Per quest'ultima circostanza e perchè aveva guarito un bimbo cui si era conficcata una lisca in gola che è invocato come protettore per i mali alla gola. A questo atto risale il rito della benedizione della gola, compiuto con due candele incrociate appoggiate alla gola. 
In occasione della festa di San Biagio, mia mamma partecipa alla messa a Campobernardo per la comune benedizione della gola ma soprattutto per la benedizione di pane e dolciumi. Il tutto viene distribuito e consumato a protezione delle vie respiratorie.

mercoledì 2 febbraio 2011

quando la corsa.....

su Correre di febbraio c'è un bel servizio : Quando la corsa esalta la coppia. La corsa, come qualsiasi altra attività svolta nel tempo libero, può rappresentare un ulteriore collante e non ostacolo o motivo di frizione. 
L'importante è avere una meta condivisa e gestirla all'interno della propria vita.
Sembrerà strano, in uno sport solitario quale la corsa, ci sia invece un gioco di squadra per conciliare la passione per la corsa con i tempi della famiglia, del lavoro, della casa. Mi ritengo fortunata nel condividere la corsa con il mio compagno. E' complicato, ma noi ci siamo riusciti.

Mina

ti presento Mina, diminutivo di Giacomina, la padrona di casa, quella che mi butta giù dal letto nel cuore della notte perchè deve mangiare od uscire, quella che dopo ben dieci anni di convivenza, ancora graffia, ma solo per gioco

parli sempre di corsa


che male c'è nell'avere una passione? nessuno, soprattutto se è una passione sana.

Una passione che, cascasse il mondo, come Linus, pratico tre volte la settimana: martedì,giovedì e domenica. Ma a differenza di Linus che corre quasi esclusivamente in compagnia di due o più amici, a me piace correre anche da sola, irrimediabilmente senza musica alle orecchie, ma ascoltando quello che mi circorda, i miei passi sul ghiaino, il respiro fumante e il battito del cuore.
Parli sempre di corsa, un libro divertente e molto autobiografico in cui Linus racconta cosa succede nella mente e nell'anima quando si esce a correre, un universo di emozioni, sentimenti, persone che ti cambia nel profondo.

2 febbraio giorno della candelora

in Veneto:
Da la Madona Caldeòra
de l'inverno semo fora,
ma se xe piova e vento
de l'inverno semo drento.

in America : giorno della marmotta groundhog day
Per gli americani è proprio la marmotta a "decretare" l'arrivo o meno della primavera.
In questo giorno, fin dal 1886, una marmotta è al centro di una festa durante la quale viene fatta uscire dalla sua tana, Se fuori ci sarà il sole vedrà la sua ombra e tornerà nella tana: ciò significherà che l’inverno continuerà per altre sei settimane. Se viceversa il cielo è grigio allora il letargo può avere fine perché la primavera è in arrivo.

martedì 1 febbraio 2011

chi sono io?

"Chi sono io?"
Chiese un giovane ad un maestro di spiritualità.
"Sei quello che pensi", rispose il saggio. 
"Te lo spiego con una piccola storia".
Un giorno, dalle mura di una città,
verso il tramonto si videro sulla linea dell'orizzonte due persone che si abbracciavano. 
"Sono un papà e una mamma", pensò una bambina innocente.
"Sono due amanti", pensò un uomo dal cuore torbido.
"Sono due amici che s'incontrano dopo molti anni", pensò un uomo solo.
"Sono due mercanti che hanno concluso un buon affare", pensò un uomo avido di denaro.
"E' un padre che abbraccia un figlio di ritorno dalla guerra", pensò una donna dall'anima tenera.
"E' una figlia che abbraccia il padre di ritorno da un viaggio", pensò un uomo addolorato per la morte di una figlia.
"Sono due innamorati", pensò una ragazza che sognava l'amore.
"Sono due uomini che lottano all'ultimo sangue", pensò un assassino.
"Chissà perché si abbracciano", pensò un uomo dal cuore arido.
"Che bello vedere due persone che si abbracciano", pensò un uomo di Dio.

"Ogni pensiero", concluse il maestro, "rivela a te stesso quello che sei."
 

Val Popena Lago di Misurina 30.01.11

Il sentiero 224 inizia al ponte del torrente Polena, ai piedi del Monte Cristallino tracciato tra il lago di Landro e il lago di Misurina. In questo periodo il lago di Misurina è talmente ghiacciato che si può persino pattinare sopra.  Si prosegue in conca e la temperatura è -14°. Inoltre con l’effetto wind-chill è più forte la percezione del freddo, il togliere e rimettere i guanti per scattare le foto mi congela le mani. Il punto di arrivo è la forcella Popena con i resti del rifugio e la vista si apre sul rosso e rosa delle aspre Marmarole e il monte Piana a quota 2200mt. Una breve sosta in forcella per discendere per poi risalire a destra, senza traccia  e con la neve fresca è un po’ faticoso. Ma dalla cima la fatica è ampiamente ricompensata dalla mole del Sorapis, le Tre Cime di Lavaredo (anche se da quella posizione si presentano solo in due), dai cadini di Misurina e il rifugio città di Carpi, la meta della prossima uscita in notturna.