mercoledì 27 aprile 2011

due rocche

25.04.201140^ corsa internazionale non competitiva DUE ROCCHE CORNUDA
Molti gli eventi collaterali e gli  incontri con atleti , organizzatori, tecnici, giornalisti che hanno preceduto questa storico evento della Due Rocche giunto alla 40° edizione.
Un record di iscrizioni, saranno oltre 3300 gli iscritti alle gare per i percorsi di  7, 12 e la classica 21km. Con un po’ di confusione, la partenza viene posticipata dagli impianti sportivi al centro di Cornuda, e da sotto l’’arco di palloncini tricolori, con la musica dell’inno, lo sparo dà il via alla gara. Usciti dal centro, i sentierini stretti vengono riempiti dagli atleti ed inizia la prima, gradevole salita al GPM. La temperatura è molto piacevole e il cielo è leggermente coperto dalle nuvole. Una Due Rocche completamente asciutta, tanto che nelle discese sconnesse e polverose è più impegnativo il tracciato. Seconda salita, sentiero del metanodotto, piuttosto lunga, tanto da lasciar senza energie, scollinamento al ristoro e ancora discesa, dove ho “tastato” lo spirito trail. Una atleta, arrivata da dietro, che perde l’equilibrio e mi cade letteralmente addosso facendo rovinosamente stendere a terra. Sarà più la sopresa-paura della caduta che i danni, ma sono stata subito soccorsa e dal vicino ristoro sono giunti i volontari. Riprendo la corsa per la terza salita, alla torre e per un po’ si corre in cresta, sino al giro di boa, dove sul percorso incroceremo anche i partecipanti alla nordic walking. Per rosicchiare il pochissimo asfalto di ritorno, una variante quest’anno, su un vigneto, ancora in salita. Con il  viso segnato dal sale e dalla polvere e l’emozione nel cuore per aver corso una così splendida corsa, chiudo in 2:36’.
Un arrivo commovente anche per il Campione del mondo, Lucio Fregona, tra le lacrime miste a gioia e dolore, con la sua vittoria dedicata all’improvvisa scomparsa di un amico, ciao Daniele

Nessun commento:

Posta un commento